100 giorni come ostaggi di guerra a Gaza: campagna “Riportateli a casa” a Vienna

La comunità israeliana ha organizzato una campagna di solidarietà davanti all'Opera di Stato di Vienna: per gli oltre 100 ostaggi tenuti in ostaggio da Hamas per 100 giorni. Molte celebrità hanno sostenuto il rilascio degli ostaggi. Anche il Parlamento era illuminato.

Manifesti con le foto di 115 ostaggi israeliani, dai bambini di quattro anni ai pensionati, che sono stati tenuti in ostaggio da Hamas esattamente per 100 giorni, sono stati esposti domenica pomeriggio da attivisti culturali israeliani davanti all'Opera di Stato di Vienna. Comunità (IKG).

Alla campagna di solidarietà hanno preso parte anche molte celebrità come l'attore del Palace Cornelius Obonia, l'attrice Katharina Stemberger, lo scrittore Doran Rabinovici e l'ex presidente dell'IKG Ariel Muzikant. All'Opera di Stato è stata installata un'installazione luminosa con lo slogan “Portateli a casa”.

“Inaccettabile”

“Diversi ostaggi, tra cui donne, bambini e anziani, sono stati rapiti dall’organizzazione terroristica il 7 ottobre. Devono essere rilasciati il ​​prima possibile”, ha detto Oponya. “Ho una figlia di 22 anni che adora andare ai festival musicali. “Il pensiero che possa essere rapita e torturata dai terroristi è terrificante”, ha detto Stemberger. “Ecco perché sono qui oggi a manifestare per il rilascio di tutti gli ostaggi presi da Hamas.”

“Avere donne e bambini in ostaggio per la jihad è inaccettabile”, ha detto Rabinovici, che ha manifestato in Israele lo scorso dicembre per chiedere il rilascio di altri 136 ostaggi nella Striscia di Gaza. “La società civile israeliana ha lavorato per proteggere la democrazia in Israele fino al 6 ottobre, e ora sta facendo lo stesso per gli ostaggi rapiti da Hamas”.

READ  La regione del Tirolo promuove i giovani scienziati - Università di Innsbruck

“L'organizzazione terroristica disumana del mondo”

L'ambasciatore israeliano in Austria, David Rode, ha spiegato che l'iniziativa dell'IKG aveva lo scopo di “aumentare la consapevolezza sulla terribile situazione degli ostaggi”. “Queste persone sono tenute prigioniere in condizioni orribili da Hamas, l’organizzazione terroristica più disumana che il mondo abbia mai visto. Vengono torturati, abusati sessualmente, picchiati e fatti morire di fame. Dobbiamo finalmente riportarli a casa”. Rod ha respinto le accuse secondo cui il governo israeliano non considerava il salvataggio degli ostaggi la sua prima priorità. “Ieri il primo ministro Netanyahu ha promesso di liberare gli ostaggi. Non si può permettere che Hamas continui a governare la Striscia di Gaza con la sua ideologia basata sul genocidio”. Il governo israeliano è anche pronto a un nuovo cessate il fuoco per liberare gli ostaggi.

L'ex capo dell'IKG Ariel Musikant ha chiesto maggiore solidarietà con gli ostaggi. “Mi chiedo perché gli ostaggi generalmente non vengono menzionati quando ora vengono richieste misure umanitarie per la popolazione di Gaza.” Una dozzina di soldati israeliani sono già stati uccisi nel tentativo di liberare gli ostaggi, ha detto Muzikanth, attuale presidente ad interim del Congresso dell'Unione ebraica europea. (EJC).

Nicolas Kunrath, membro del consiglio comunale e del parlamento regionale della Vienna Verde che ha preso parte alla protesta, ha criticato il fatto che “Netanyahu non ha fatto del rilascio degli ostaggi un obiettivo primario”. “Anche l'uccisione di civili a Gaza deve cessare.”

Domenica sera si è illuminato anche il Parlamento: “100 giorni di prigionia” proiettati a lettere blu sull'edificio e “riportateli a casa adesso”. (APA)

Gli ostaggi sono stati commemorati davanti al parlamento austriaco.Giornale

Ulteriori informazioni su questi argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *