La Commissione UE presenta gli obiettivi per il 2040 – Euractiv DE

Martedì (6 febbraio) la Commissione europea ha presentato le sue raccomandazioni per l’obiettivo climatico dell’UE per il 2040. Raccomanda una riduzione del 90% delle emissioni rispetto al 1990 e apre la strada alla riduzione delle emissioni industriali.

Sulla base di un’analisi dettagliata costi-benefici, la commissione “raccomanda una riduzione del 90% delle emissioni nette di gas serra rispetto ai livelli del 1990 entro il 2040”, ha affermato in una dichiarazione martedì. Rapporto della Commissione dell'Unione Europea a Bruxelles.

L’obiettivo climatico del 2040 “consentirà all’industria, agli investitori, ai cittadini e ai governi europei di prendere decisioni in questo decennio per aiutare l’UE a raggiungere il suo obiettivo di neutralità climatica entro il 2050”.

La comunicazione odierna non contiene obblighi giuridici per i paesi o l'industria dell'UE. Si apre semplicemente un dibattito che potrebbe portare a una proposta di legge dopo le elezioni europee di giugno. Si prevede che i partiti conservatori e di destra otterranno forti guadagni nelle elezioni europee.

“Dopo le elezioni europee, la prossima commissione presenterà una proposta legislativa al Parlamento europeo e agli Stati membri per concordare la legislazione europea sul clima”, ha affermato la commissione.

L’obiettivo suggerito del 90% per il 2040 conferma le precedenti bozze della proposta visionate da Euractiv. Ciò corrisponde al limite inferiore dell’intervallo obiettivo raccomandato dal Comitato consultivo scientifico europeo sui cambiamenti climatici.

È stato preso in considerazione un obiettivo di riduzione delle emissioni pari all’80% o all’85-90% entro il 2040, ma alla fine è stato respinto. La Commissione ha affermato che “ritarderà in modo significativo l’introduzione di nuove tecnologie dal 2041 al 2050 e quindi non raggiungerà la neutralità climatica entro il 2050”.

Al contrario, l’obiettivo del 90% “viene accompagnato da investimenti accelerati nell’implementazione di nuove tecnologie a basse emissioni di carbonio come la produzione di idrogeno attraverso l’elettrolisi, la cattura e l’utilizzo del carbonio e l’estrazione industriale di CO2 tra il 2031 e il 2040”. , continua.

READ  Indagine di spionaggio: la Polonia richiama i comandanti dell'Eurocorpo

Tuttavia, l’implementazione di queste tecnologie è costosa e richiede investimenti energetici annuali di circa 660 miliardi di euro nel periodo 2031-2050, pari al 3,2% del PIL dell’UE. La spesa per il settore dei trasporti è stimata a circa 870 miliardi di euro all’anno, che corrisponde al 4,2% del PIL.

Ma l’inazione può anche costare caro. Secondo la Commissione Europea, i danni economici legati al clima in Europa negli ultimi cinque anni sono stati stimati in 170 miliardi di euro. La riduzione delle emissioni e la transizione verso l’energia pulita contribuiranno a ridurre la dipendenza dell’Europa dai combustibili fossili, che secondo le previsioni supererà il 4% del PIL entro il 2022.

L’Unione Europea vuole ridurre i gas serra del 90% entro il 2040

Secondo la bozza trapelata, la Commissione Europea presenterà un obiettivo di riduzione del 90% entro il 2040. Allo stesso tempo, una coalizione di undici paesi dell’UE, tra cui Francia e Germania, ha pubblicato una lettera in cui chiedeva obiettivi climatici ambiziosi.

Concentrarsi sull'implementazione

Secondo Simone Tagliapietra del think tank Bruegel di Bruxelles, l'obiettivo del 90% proposto oggi dalla Commissione rappresenta sia continuità che rivoluzione.

“Continuità, perché solo l'attuazione formale delle misure già concordate “Fit for 55″ entro il 2030 e la continuazione dell'applicazione fino al 2040 avvicineranno l'UE all'obiettivo”, ha affermato Tagliapietra.

“Rivoluzionario perché richiederà una massiccia decarbonizzazione di settori difficili come l'edilizia e i trasporti. Per essere socialmente accettabile e politicamente fattibile, richiederà una nuova forte azione da parte dell'UE nei prossimi anni, in particolare il nuovo Fondo Green EU, per realizzare i massicci investimenti necessari per raggiungere l'obiettivo.”

Tuttavia, raggiungere l’obiettivo del 90% sarà impegnativo.

“Non è vero dire che il lavoro è quasi finito”, ha detto Peter Lees, un deputato della CDU del Partito popolare europeo (PPE), il gruppo più numeroso al Parlamento europeo.

READ  Mariahilf: Aids to Hilf Campagne di Vienna contro lo stigma

“La cosa più importante per me è che la commissione sia più focalizzata che mai sugli sviluppi internazionali”, ha detto Lees ai giornalisti martedì. La raccomandazione di Liese è di istituire un gruppo di lavoro sui mercati internazionali della CO2 per gestire le richieste provenienti dall'estero in merito alla tassa frontaliera sulla CO2 (CBAM) recentemente adottata dall'UE.

La commissione è “inondata di domande su come evitare le tasse sulle emissioni di carbonio alle frontiere. A quanto pare funziona. Ma allo stesso tempo non hanno il personale per farlo”, dice Lees.

La Commissione ne è consapevole e afferma che “il punto di partenza è attuare pienamente la legislazione esistente per ridurre le emissioni di almeno il 55% entro il 2030”.

I paesi dell’UE attualmente non sono sulla strada giusta. Gli attuali piani nazionali stimano una riduzione delle emissioni del 51%.

“L'attuale aggiornamento dei piani nazionali per l'energia e il clima (PNEC) è un elemento importante per monitorare i progressi e la Commissione collabora con gli Stati membri, l'industria e le parti sociali per facilitare le azioni necessarie”, ha affermato la Commissione.

Commissione UE: l’UE mancherà significativamente il suo obiettivo climatico 2030

Con gli attuali sforzi politici, l’UE riuscirà a ridurre le emissioni solo del 51% entro il 2030, mancando l’obiettivo legale del 55%. È quanto emerge dall’analisi dei Piani nazionali per l’energia e il clima presentati finora.

Rimozione della CO2

Un altro aspetto importante nel dibattito sull’obiettivo climatico per il 2040 è il potenziale di drastiche riduzioni di CO2. Riguarda principalmente l’agricoltura e la silvicoltura o le nuove tecnologie industriali come la cattura diretta dell’aria (DAC) o la bioenergia.

“Il raggiungimento dell'obiettivo raccomandato del 90% richiede sia la riduzione delle emissioni che la rimozione della CO2”, ha affermato la commissione. “Ciò richiede l'uso di tecnologie di cattura e stoccaggio della CO2 e l'uso della CO2 catturata nell'industria”, continua. La commissione fa riferimento alla strategia di gestione della CO2 industriale pubblicata martedì, che mira a migliorare le catene di approvvigionamento di CO2 e le infrastrutture di trasporto.

READ  18 aprile 2024 21:05 - ORF TVthek

“La cattura della materia organica dovrebbe essere mirata ai settori difficilmente assorbenti in cui le alternative non sono economicamente fattibili. La rimozione della CO2 sarà necessaria per generare emissioni negative dopo il 2050”, ha spiegato la Commissione europea.

Secondo i calcoli della Commissione, le restanti emissioni di gas serra dell’UE nel 2040 dovrebbero ammontare a 850 milioni di tonnellate di CO2 equivalente e le rimozioni di CO2 (dall’atmosfera attraverso l’estrazione terrestre e industriale di CO2) dovrebbero raggiungere i 400 milioni di tonnellate di CO2.

Ma gli attivisti avvertono che questa potrebbe essere una politica molto pericolosa. Prima dell’annuncio della Commissione, i gruppi ambientalisti hanno affermato che collegare la rimozione del carbonio all’attuale obiettivo di riduzione delle emissioni dell’UE, che si applica alle industrie regolamentate, rischia di minare gli incentivi delle aziende a ridurre le emissioni. Un fenomeno noto come “inibizione del quenching”.

“Ciò potrebbe ritardare la riduzione delle emissioni o essere sostituito dalla promessa di eliminare o sequestrare le emissioni future”, hanno avvertito in una nota Carbon Market Watch e altri gruppi ambientalisti. Articoli di opinione Sull'Uractive.

2024: La Commissione Europea presenterà gli obiettivi climatici per il 2040

Si prevede che la Commissione europea presenterà la sua proposta di obiettivo climatico 2040 il 6 febbraio. Molti vedono questo come un’eredità dell’attuale Commissione alla nuova linea dell’amministrazione di Bruxelles che sarà nominata dopo le elezioni europee di giugno.

[Bearbeitet von Nathalie Weatherald]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *