Strategia per il suolo: decisione dello Stato: “No Decision for Green”.

L'assessore alla pianificazione regionale dell'Alta Austria Markus Achleitner (ÖVP) ha invitato tutti i colleghi settoriali dei Länder federali ad un “convegno” a Linz. Tutti i nove Länder federali hanno deciso una strategia fondiaria nel senso di una politica di pianificazione territoriale sostenibile. È caratterizzato da “ragione e pragmatismo” e non da “castelli ideologici in aria”, ha detto Achleitner – maggiori informazioni su ooe.ORF.at. La giustificazione per agire da soli è che “l'ÖROK è un'associazione senza competenze costituzionali”, che spetta agli Stati responsabili dell'attuazione della pianificazione territoriale.

Il vicecancelliere Gogler ha insistito: “Non ha avuto luogo alcun incontro e non è stata presa alcuna decisione”. La Strategia fondiaria, non ancora attuata, è una strategia dell'ÖROK, nella quale sono rappresentati gli Stati, i comuni e il governo centrale. Si applica il consenso. Ma l’Associazione degli Stati e dei Comuni respinge l’obiettivo vincolante di limitare il consumo di suolo a 2,5 ettari al giorno entro il 2030.

ÖVP per “bilanciare gli interessi”.

Gli Stati ora hanno fatto da soli senza il suddetto requisito di 2,5 ettari. “Un numero assoluto non protegge un ettaro di suolo”, ha detto il vicegovernatore della Bassa Austria Stefan Bernkopf (ÖVP) in una conferenza stampa dopo la “Conferenza di Linz”. Tutti i paesi inizieranno ad attuare la strategia seguendo il motto “Conservare la Terra e favorire il futuro”. In altre parole, deve esserci un equilibrio di interessi tra conservazione delle aree naturali e sviluppo economico.

IMAGO/SEPA.Media/Martin Juen

Il ministro Totschnig si è detto soddisfatto della decisione, il vicecancelliere Koegler non ha preso alcuna decisione

La strategia di conservazione del suolo ha quattro obiettivi generali: conservazione dei terreni aperti e dei pascoli, prevenzione dell’espansione urbana, sviluppo interno efficiente e intensificazione della consapevolezza e delle relazioni pubbliche per un migliore utilizzo dei terreni edificabili idonei nell’area di insediamento. Lavoro.

Il documento tecnico preparato per ÖROK non contiene dati concreti; L'obiettivo di 2,5 ettari, fissato già nel 2002 nella strategia di sostenibilità della Confederazione, è stato richiesto dai Verdi l'anno scorso perché dovrebbe esserci anche un indicatore misurabile.

Totschnig: “Consenso bipartisan”

Il Ministro dell'Agricoltura Dotschnik ha commentato così la decisione del Land: “È gratificante che ora ci sia un consenso imparziale tra gli attori responsabili della pianificazione del territorio per la Prima Strategia Suolo austriaca. Con un elenco di misure concrete da attuare, questa decisione rappresenta una pietra miliare importante nell’uso attento della nostra preziosa terra.

Un anno fa, il ministro aveva affermato che la strategia fondiaria “può avere successo solo se è nel contesto di tutti gli attori coinvolti, il governo centrale, gli Stati, i comuni, le città e le associazioni di comuni”. I Verdi sono stati duramente critici. “Con notizie false davanti ai media”, Achleitner celebra “la fine di una tigre di carta sdentata”, ha detto la segretaria generale del Partito dei Verdi Olga Voglauer. I “discorsi domenicali e le dichiarazioni a parole” non gioveranno a nessuno.

Dure critiche da WWF e Greenpeace

Il portavoce del WWF per la conservazione del suolo, Simon Boris, ha dichiarato: “L'incontro di oggi mostra ancora una volta perché l'Austria non è stata in grado di tenere sotto controllo l'erosione del suolo per anni. Senza un reale impegno politico verso misure concrete e un tetto sostenibile al consumo di suolo, l’espansione urbana e la distruzione della natura continueranno senza sosta.

Greenpeace in un rapporto ha criticato anche il Consiglio di pianificazione regionale dell'Alta Austria. Si impegna in attività di conservazione del suolo per diversi mesi e continua a prevenire un certo limite di consumo di suolo. Dal punto di vista giuridico però “come consigliere regionale non può prendere una decisione sulla strategia del suolo e quindi ignorare la struttura della Convenzione austriaca sulla pianificazione del territorio”, ha affermato la portavoce della protezione del suolo di Greenpeace Melanie Ebner.

NEOS ha parlato di una “giornata storicamente negativa” per la conservazione del suolo dell'Alta Austria. “Negli stati federali hanno vinto gli spietati cementificatori”, ha detto il presidente del club Felix Eibeldauer. La deputata NEOS Karin Toppelbauer afferma che una strategia senza obiettivi e limiti concreti non è efficace.

READ  Agli austriaci non piacciono le assicurazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *