Tribunale commerciale: i creditori decidono il destino di Cigna

Lunedì i creditori si incontreranno nuovamente presso il Tribunale commerciale di Vienna per una riunione sul piano di ristrutturazione. Si deciderà se accettare il piano di ristrutturazione proposto da due delle più importanti filiali di Cigna. I creditori hanno intentato azioni legali per miliardi di euro contro le società dell'imprenditore Rene Benko e, anche se le cose andranno bene, ne vedranno solo una piccola parte.

Al fine di evitare una “svendita” – ovvero una svendita dettata dal panico – un fiduciario dovrebbe prendere l'iniziativa e vendere i beni e i progetti della controllata immobiliare Cigna Prime in modo ordinato. Questi includono il KaDeWe a Berlino e l'incompiuta Elbtower ad Amburgo. Più recentemente, Cigna Prime ha offerto questa soluzione fiduciaria sotto la guida del dirigente della ristrutturazione Norbert Abel.

Preoccupazioni per le “svendite”.

Il ricavato va poi ai mutuatari, che possono contare su un importo superiore allo stanziamento minimo legale del 30% applicabile all'autogestione. Se tutti gli asset verranno venduti entro la fine del 2025, il rapporto di Abel afferma di aspettarsi un tasso del 32%. C'è anche la speranza che il mercato immobiliare si riprenda a lungo termine e generi rendimenti più elevati. Il totale degli attivi ammonterebbe a circa 13,6 miliardi di euro, dice Abel, che ha consigliato questa strada anche ai creditori.

In caso di liquidazione, secondo il rapporto sulla ristrutturazione, difficilmente il mercato aspetterà la ripresa. I calcoli mostrano un rapido realizzo di tutti gli attivi e valori di “svendita” di circa 11,4 miliardi di euro. I finanziatori possono aspettarsi un tasso compreso tra solo il 5,5% e il 16,1%.

READ  Benvenuto | Ufficio stampa statale del Land Vorarlberg

L'accordo fallì

In ogni caso: gli immobili devono arrivare sul mercato. Si è a lungo speculato su chi potrebbe aver visto certe case. La famiglia di imprenditori tedesca voleva acquisire Scholler Prime Properties con un'offerta sorprendentemente rapida.

A questo scopo Schoeller ha voluto portare nelle trattative i diritti precedentemente acquisiti su una filiale di Signa. Potrebbe aver interessato strutture come il Quartiere d'Oro, l'Hotel Park Hyatt a Vienna e i grandi magazzini Tyrol a Innsbruck. Tuttavia, gli istituti di credito hanno interrotto il progetto e lo hanno rifiutato.

Spar non ha alcun interesse per Lamar House

Si dice che anche la catena di negozi Spar sia interessata ad indirizzi di lusso come la Lamar House a Vienna. Il capo della Spar Hans Reisch lo ha annullato tramite APA sabato. “Non è possibile trasformare il buco dell'edificio in un centro commerciale”, dice Reisch. “Il valore della proprietà è il costo del terreno meno la demolizione.”

Non c'è nemmeno interesse per i grandi magazzini Tirol e per il Quartiere d'Oro, ma c'è sicuramente interesse per il progetto Cigna Walterpark a Bolzano. Secondo il capo della Spar, chi vuole completare il progettato grande magazzino di lusso dovrebbe assumere Lamar Shell. Altrimenti ci sarà “un grosso problema” di diritti. Secondo quanto riportato dai media, due banche hanno acquisito i diritti catastali: la RLB Oberösterreich con un'ipoteca massima di 95 milioni di euro e la Bank Austria con un'ipoteca massima di 295 milioni di euro.

Tuttavia, Clemens Richter, curatore fallimentare responsabile, ha risposto che questi diritti potrebbero essere rimborsati in tutto o in parte con il ricavato della vendita. Non hanno importanza per l'acquirente. “C'è stato un interesse entusiasta sia a livello nazionale che internazionale”, ha detto Richter.

READ  Auto si schianta contro un albero durante un temporale in Stiria: morta una coppia

La catena di supermercati tedesca Galeria ha attualmente quattro acquirenti interessati, ha riferito “Süddeutsche Zeitung” citando addetti ai lavori. L'identità degli offerenti non è nota, ma secondo il rapporto nessuno dei quattro è disposto a rilevare tutte le rimanenti 92 filiali. Anche se l'azienda viene acquisita con successo, potrebbe essere necessario chiuderne una terza. Non è da escludere nemmeno il crollo dell'ultima grande catena di supermercati tedesca.

In Austria non esiste alcun processo

Ora sono in corso indagini su un sospetto riciclaggio di denaro in Germania, ha recentemente confermato la procura di Monaco. Non ci sono molte informazioni a riguardo; Secondo quanto riportato dai media, il denaro servirà per l'acquisizione e lo sviluppo del progetto “Nuovo centro di Monaco”. L'avvocato di Benko ha negato con veemenza le accuse.

In Austria, invece, ci sono state diverse denunce ma finora nessuna indagine, secondo la Procura dell'economia e della corruzione (WKStA). “A causa di diverse segnalazioni relative a procedure di fallimento sono attualmente in corso i test preliminari di sospetto”, ha dichiarato il pubblico ministero della WKStA Elisabeth Doubl.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *